La via più veloce non è la più breve!

Alice alla fattoria Mafalda

Siamo abituati a pensare che la via più veloce per arrivare da un punto a un altro sia quella dritta.
Porsi l’obiettivo, pianificare, attrezzarsi e partire! E talvolta fila tutto liscio ed arriviamo al traguardo velocemente, altre volte invece per strada ci accorgiamo che non siamo attrezzati, che avevamo sottovalutato alcune difficoltà, che le persone che ci affiancano non sono quelle giuste per questa avventura o che accadono degli imprevisti incredibili… Perché?


Nuotare controcorrente è decisamente uno sforzo enorme!
La saggezza orientale insegna che, per arrivare da un punto all’altro, bisogna seguire la corrente della vita, farsi trasportare da quello che la vita ci vuole offrire, dalle esperienze che ci fanno arricchire e costruiscono la nostra anima. La via più facile, l’unica che veramente ti porterà in quel punto è apparentemente più lunga, ma in realtà e molto più appagante e veloce

Avete capito quale é la via più veloce?! Sicuri?
Si è proprio questa!!

La prima volta che ho sentito questo insegnamento, sono rimasta un po’ perplessa. Come tutti, il primo istinto è stato rifiutarlo, dire che è una sciocchezza e girare pagina. Ma, pur essendo capace di raggiungere i miei traguardi, nonostante la fatica non mi abbia mai spaventato, (anzi lo confesso un po’ ne ho bisogno per sentirmi viva, è uno dei miei punti deboli), troppe volte ho nuotato controcorrente e mentre lo facevo mi dicevo costantemente, “ci vede essere una via  più facile..” Quindi ho cercato di andare oltre la mia diffidenza e capire se potevo trarne qualcosa di buono.

Dentro di me sentivo che questo insegnamento era profondo e mi avrebbe portato a un salto epocale, anche se, mi domandavo come potevo pianificare un viaggio che non fosse lineare.. La domanda era già radicalmente sbagliata…

Inizialmente ho cominciato ad ascoltarmi sia quando le cose andavano lisce che quanto trovavo intoppi grandi e piccoli. La strada più veloce non è quella dritta mi ripetevo… Ho cominciato a intuire che alcuni ostacoli che ci sono posti davanti sono opportunità per imparare, altri invece sono segnali che non si deve procedere per quella via, ma per un’altra, altri ancora sono segnali che l’obiettivo è proprio sbagliato. Ma non spaventiamoci se capiamo di essere finiti in un vicolo cieco. Nella vita in questi casi si chiude una porta e si apre un portone!

Ho smesso di nuotare controcorrente e le cose si sono mosse più velocemente nella mia vita!

Fatemi sapere se avete domande se volete approfondire qualcosa di quanto ho scritto e cercherò di farlo al mio meglio nei prossimi articoli


Impariamo dai bambini..loro nemmeno si pongono obiettivi.. semplicemente sono! Ma tutto per loro accade normalmente in un dolce fluire se sono in armonia con la natura..

La via più veloce.. seconda parte. Quale è il messaggio?

Non é mai troppo tardi per allinearsi al proprio progetto di vita!

L’arca di Noè in casa

Informazioni su Lisa Cambruzzi

Ciao! Trovi La mia Presentazione alla pagina MI PRESENTO! https://lacascinadellanima.it/lisa-cambruzzi/
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

5 commenti

  1. Pingback:La via più veloce.. seconda parte. Quale è il messaggio? - La Cascina dell'anima

  2. Pingback:Ci sono giorni fantastici e giorni insomma...i bioritmi La Cascina dell'anima %

  3. Pingback:La via più veloce.. seconda parte. Quale è il messaggio? - La Cascina dell'anima

  4. Pingback:Curare anima e corpo- Lo Shiatsu e il dott Adam - La Cascina dell'anima

  5. Pingback:Noi, donne forti, che dobbiamo imparare ad arrenderci • La Cascina dell'anima

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.