Non é mai troppo tardi per allinearsi al proprio progetto di vita!

"Echi di Roncisvalle" A. Muñoz Degrain

“Echi di Roncisvalle” A. Muñoz Degrain

Allinearsi al proprio progetto di vita : l’insoddisfazione, la crisi, la comprensione e il volo verso la felicità.

Capita, come dice Dante, che nel mezzo del cammin di nostra vita realizziamo che quello che stiamo facendo non ci appartiene.

E a questo punto spesso andiamo in crisi e ce ne rattristiamo. E invece dobbiamo festeggiare! Abbiamo raggiunto una consapevolezza, ovvero che il ruolo che avevamo scelto per noi nella vita, non è quello che ci può rendere felici!

Ma come é che molti di noi vivono vite che non gli appartengono?

Spesso lo abbiamo scelto perché fortemente condizionati dalla società e dai genitori, almeno così crediamo. La verità  è che da quelle esperienze dovevamo passare per formaci e non eravamo ancora pronti per altro.

E a un certo punto arriva la crisi esistenziale ..

Ci si rende conto che nonostante si abbia molto nella vita non é questo che ci può rendere felici..Non ci basta più. Il più delle volte questo inizia con un senso di insofferenza.

Sei già bravo se riesci a intravedere che tutto ciò è causato da un vuoto,  una sensazione che ti manchi qualcosa.

E a volte per anni provi a riempire inutilmente questo vuoto con shopping eccessivo, avventure seriali, divertimento sfrenato, adrenalina, obiettivi di carriera , di guadagno o di potere sempre più smisurati. O ti lasci sopraffare dalla depressione e dalle dipendenze.

Se pensi di essere in una di queste condizioni fermati e ascoltati. Cosa é che ti rende tanto irrequieto?

Fermati e ascoltati

Ascoltiamoci e capiamo da dove ripartire

Da qui dobbiamo ricominciare.

Cercare la nostra vera essenza e focalizzare quali cambiamenti apportare. E si può e si deve fare.

Perché siamo in questa vita per vivere, non per lasciarci vivere.

La vita va vissuta con coraggio e umiltà, guardando le difficoltà negli occhi.

Per aiutarvi a capire la vostra vera essenza vi rimando alle domande scritte in due articoli precedenti.

Chi era il tuo eroe da piccolo?

Cosa è che adori fare?

Cerchiamo aiuto

E per questo passo o per i successivi si può sempre chiedere aiuto e lasciarsi aiutare.

Nei momenti di grande cambiamento abbiamo bisogno del supporto. Perché, anche se sappiamo cavarcela da sola, un occhio esterno ci aiuta molto e velocizza il percorso. E una spalla su cui piangere é vitale 🙂

Può aiutarci una persona vicino a noi che ci è già passata. O un bravo psicologo,  un bravo coach o counselor, un bravo operatore olistico. Quelli bravi, di tutte le categorie, sono quelli ‘chirurgici‘ che in un numero definito di volte ti indirizzano, che ti fanno fare grandi passi ogni seduta, che non cercano la tua dipendenza. Non quelli che con te vogliono trovate uno stipendio fisso. Esistono entrambi per tutte le categorie

Il lavoro su noi stessi e la vita che torna a sorriderci!

Quindi bisogna mettersi a lavorare su noi stessi perché é l’unica via.

E ogni volta che si fa un passo, che si ha una comprensione piccola o grande, é una soddisfazione immensa, ci si sente subito meglio!

Si prova una gioia immensa, si sente che si é cresciuti. E poi via, verso un nuovo passo!

Più si diventa bravi a cogliere i segnali che la vita ci da, più il percorso diviene leggero e veloce.

Si deve essere disposti ad abbandonare le proprie credenze e aprirsi al nuovo. Il tutto con umiltà.

Perché se ti senti meglio di qualcun’altro e, per di più, questi passi in avanti che fai ti fanno sentire ancor di più una certa superbia, allora devi lavorare molto su questa convinzione. Perché é fortemente limitante per la tua vita.

La risoluzione

E quando avrai capito le cose giuste, l’occasione per poter ricominciare da capo con una nuovo slancio, una nuova vita o un nuovo lavoro ti si presenterà da sola. Ormai avrai imparato a cogliere i segnali e ad avere fede.

E se non possiamo abbandonare il vecchio lavoro per uno nuovo, condizione più che comune, la soddisfazione può arrivare tramite il volontariato, la creazione artistica, lo scrivere nei momenti liberi. O si può ricominciare a studiare partendo dai nostri interessi.  E scoprirai che da cosa nasce cosa, gradualmente, la tua vita si trasforma. Non é mai troppo tardi!

Spesso le varie fasi si sovrappongono

Ho separato le varie fasi per far meglio capire, ma spesso nella vita queste si sovrappongono almeno in parte. Anche il muoversi gradualmente verso nuove aree, volontariato, arte, studio é motore di cambiamento interiore.

E se non voglio cambiate nulla?

Ciascuno é libero di fare come sente. E anche questa decisione di non muoversi deve essere rispettata. Senza insistenze. Sempre, almeno che la persona non sia energeticamente a nostro carico, come un figlio o un dipendente. In questo caso ne va della nostra libertà e quindi siamo intitolati ad agire.

Però ti voglio motivare sul perché é importantissimo farlo.

Purtroppo sono assolutamente convinta che se non ascolti la tua anima, questa ti parla attraverso il corpo.

Quel nodo in gola diventa qualcosa di peggio, quegli attacchi di panico o asfissia degenerano, quel mal di stomaco diventa cronico per trasformarsi in altro. E non ci sono medicine che ti riportino alla salute, al massimo queste sedano i sintomi.

Quindi trovare il modo per uscirne é vitale.

Rispetto comunque chi sceglie di non agire, come rispetto chi sceglie di non vivere o di lasciarsi morire.

Se agisci però, starai aderendo al tuo progetto di vita, e la tua vita prenderà colori straordinari, che ora non riesci nemmeno a immaginare!

In poche parole

Quindi se abbiamo già capito che quel che facciamo non ci rappresenta siamo su un’ottima strada.
Se siamo disponili a guardarci allo specchio e affrontare tutte le brutture, le false convinzioni che abbiamo dentro,  verremo poi premiati con il Paradiso. E NON É MAI TROPPO TARDI! NON IMPORTA QUANTI ANNI HAI! Abbi fede, mantieni l’ago della bussola e ce la farai.

Dante e la divina commedia. Una parodia della vita

E questo di cui parla Dante: il significato del suo viaggio é un viaggio dell’ anima che si ritrova per una selva oscura, che la diritta via era smarrita. E per uscirne bisogna passare dall’inferno, al purgatorio per passare infine al paradiso.

Meglio se accompagnati da un Virgilio che evita che ci perdiamo nei passaggi difficili!

La teoria della spirale della vita nella macrobiotica

La macrobiotica esemplifica questo passaggio con una spirale che si stringe fino a strozzarsi per poi riaprirsi alla vita. Nella prima parte della spirale vi é la ricerca affannosa dei beni materiali e del potere. La strozzatura corrisponde a una crisi, un qualcosa che ci fa svegliare tipicamente una malattia, un divorzio, un lutto. E la seconda parte della spirale é caratterizzata da valori diversi, da un sentire più profondo e da una sana abbondanza. E il paradiso qui in terra corrisponde, a mio vedere, alla definizione di illuminato della macrobiotica ovvero “Colui che realizza tutti i suoi sogni con gioia e facilità, creando ricchezza e benessere vicino a se”

  In questo articolo la mia storia riguardo

Informazioni su Lisa Cambruzzi

Ciao! Trovi La mia Presentazione alla pagina MI PRESENTO! https://lacascinadellanima.it/lisa-cambruzzi/
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

4 commenti

  1. Pingback:Non é mai troppo tardi! La mia storia dall'inferno alle porte del paradiso - La Cascina dell'anima

  2. Pingback:Niente è mai per caso! tutto nella vita ha un significato - La Cascina dell'anima

  3. Pingback:Imparare a leggere la vita: Siamo tutti attori nel grande teatro del mondo • La Cascina dell'anima

  4. Pingback:VI AUGURO UNA VITA PIENA DI CONSAPEVOLEZZA! • La Cascina dell'anima

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.